Ufficiale, Palermo escluso dalla Serie B

Palermo

Adesso è ufficiale: il Palermo è escluso dalla Serie B. La società non ha consegnato in tempo la documentazione, comprendente la fideiussione di 800mila euro utile per l’iscrizione al campionato cadetto. A mancare all’appello ci sono anche i pagamenti degli stipendi dei giocatori (dell’ultimo trimestre) e per queste ragioni la Covisoc conferma la decisione di estromettere dalla prossima stagione di cadetteria il club di Via Del Fante. Il Venezia prenderà il posto del Palermo, i lagunari hanno presentato tutti i documenti necessari per ottenere la riammissione in Serie B.
I rosanero potranno lottare nuovamente entro l’8 luglio: hanno la possibilità di presentare ricorso contro la decisione assunta dalla Covisoc. La cifra che occorre per procedere a questa operazione è di 15 mila euro. Quindi l’11 luglio l’organo federale precedentemente nominato comunicherà i suoi esiti al Consiglio della FIGC. Quest’ultimo, poi, venerdì 12 luglio avrà la competenza di decidere le sorti dell’organico del prossimo campionato di cadetteria. Se anche in questo caso il verdetto sarà sfavorevole per i siciliani e il loro nome non comparisse tra le squadre designate per la prossima stagione, la società rosanero potrebbe ripartire dalla Serie D.

L’attuale patron Salvatore Tuttolomondo è intervenuto ai microfoni di Mediagol.it esprimendo la propria opinione in merito alla sentenza emessa dalla Covisoc.
Sono asserite contestazioni che ci aspettavamo e siamo pronti a dimostrare che sono infondate. Costituiranno motivo di ricorso entro l’8 luglio”.