Tennis, il ritorno di Cecchinato: la vittoria su Wawrinka primo passo verso la rinascita?

A poco meno di ventiquattro ore dalla grande prestazione che, nei sedicesimi di finale dei Masters 1000 di Montecarlo, ha permesso a Marco Cecchinato di sconfiggere lo svizzero Stan Wawrinka, ci si domanda se, questo importante successo, potrà infondere nuova linfa al tennista palermitano in vista del prosieguo del torneo e delle importanti competizioni che lo vedranno protagonista nei prossimi mesi.

La vittoria sull’ex numero 3 al mondo, d’altra parte, è frutto della caparbietà e della capacità di riscatto del classe ’92. Dopo aver perso il primo set con un inequivocabile 6-0 e dopo essere andato sotto fino al 5-3 nel secondo, Cecchinato ha imbastito un incredibile rimonta imponendosi prima sul 7-5 e poi sul 6-3. La caparbia affermazione del palermitano, quindi, lascia ben sperare in ottica futura, dopo una serie di delusioni che avevano messo in ombra i grandi risultati da lui ottenuti nel 2018. Nella vittoriosa sfida contro Wawrinka, infatti, si è rivista quella capacità di reagire, quella voglia di lottare fino in fondo e di sovvertire il pronostico che sembravano smarrite. Certo, una rondine non fa primavera ma, se la grinta e la “rabbia” agonistica mostrate contro l’atleta elvetico accompagneranno ancora Cecchinato, nessuno scenario può essere escluso a priori.

Il prossimo passo è rappresentato dalla sfida valevole per gli ottavi del torneo in corso di svolgimento a Montecarlo, che vedrà l’azzurro impegnato contro l’argentino Guido Pella, impostosi a sorpresa sul croato Marin Cilic. Una vera e propria prova di maturità per Cecchinato che, dopo la grande impresa, sarà chiamato a dimostrare di aver davvero imboccato la retta via.