Serie C, Ghirelli: “Siamo in stato di agitazione, non so se inizierà questo campionato”

Il presidente della Lega Pro Francesco Ghirelli ha parlato del futuro della Serie C.

 “Abbiamo lavorato insime al Governo, in silenzio e con rispetto, in questi mesi, affinché fosse inserito nel decreto crescita un provvedimento a favore del calcio dei Comuni d’Italia. La defiscalizzazione, che chiediamo per le società di Serie C, è necessaria per creare strutture, formazione e presidi territoriali per i giovani. Non un euro nelle tasche, ma investimenti.

Gli investimenti produrranno interventi in infrastrutture che attireranno capitali (a partire da quelli dei proprietari dei club). Questo consentirà alle società di innovare, costruendo luoghi per la formazione di giovani giocatori e quindi dare opportunità per l’avvio di una politica economico-finanziaria virtuosa che consenta di patrimonializzare. Evidenzio e sottolineo come le risorse che il fisco fornirà all’inizio serviranno a mettere in moto un volano di investimenti che poi torneranno al fisco stesso al termine o durante l’investimento. La risposta non c’è. Sembra che non importi nulla a nessuno.

Ne prendo atto: 300 mila tifosi nei Playoff, la rivoluzione nelle norme d’iscrizione, gli interventi di adeguamento negli stadi; via i banditi dalle proprietà; investimenti per i giovani; interventi per togliere i ragazzi dalle strade. Non interessa sostenere questo? Da oggi siamo in stato di agitazione, nella prossima assemblea dei presidenti se ne discuterà: non so se inizierà il campionato”.