Milan, delegazione da Rizzoli per scuse post Juve. Un precedente particolare

L’errore c’è stato, era evidente e i dirigenti dell’Aia e il designatore arbitrale, Nicola Rizzoli, lo hanno riconosciuto: il Milan, durante il match dell’Allianz Stadium contro la Juventus, è stato penalizzato dall’arbitro Fabbri in ben due occasioni (fallo di mano di Alex Sandro in area e calcio di Mandzukic a Romagnoli al limite) e presto riceverà le scuse dell’intera associazione arbitrale. Un’ammissione di colpe e responsabilità che rappresenta, al momento, un unicum, che crea un importante precedente ma che di certo non servirà a cambiare l’esito della gara in questione né a restituire ai rossoneri i punti persi, fondamentali nel loro cammino verso la Champions League.

La delegazione del Milan, composta da Gennaro Gattuso, Alessio Romagnoli e probabilmente Leonardo, incontrerà Nicola Rizzoli, discuterà di quanto accaduto, ascolterà la spiegazione del designatore arbitrale e accoglierà le scuse poi… tonerà a Milanello comunque con una sconfitta ingiusta e pesante e riprenderà a operare, mentre l’arbitro Fabbri sconterà la sua pena. Il fischietto di Faenza verrà fermato per qualche giornata e fino al termine della stagione non verrà più chiamato a dirigere alcun match del Diavolo.

La nota positiva in questa vicenda è l’apertura al dialogo dell’Aia, un dialogo che tuttavia risulterà sterile, per il Milan oggi e per altre società in futuro, se ancorato alle sole scuse verbali.