Indisciplinati

Lo Monaco

Vincere sul campo a volte non basta a smorzare il clamore di una notizia che mina e in modo sostanziale l’equilibrio tra l’altro precario instauratosi tra il Catania e l’ambiente cittadino. Un successo sulla Viterbese Castrense per 1-0 (a firma Ciccio Lodi, dal dischetto) nella gara valevole per la quarta giornata di Serie C Girone C, oscurato dall’esclusione per motivi disciplinari – secondo quanto riferito dalla società tramite il suo tecnico e l’amministratore delegato – di due calciatori rossazzurri (in realtà come svelato successivamente, saranno in realtà tre). Giovanni Marchese e Saro Bucolo, a sorpresa si ritrovano fuori dalla lista dei convocati per la sfida dello stadio “Angelo Massimino”.

Voci di corridoio iniziano ad inseguirsi, addentrandosi fino ai più stretti cunicoli della città etnea. Il clima nel pre partita ha il sapore della curiosità e dell’attesa. Poi in campo tutto va per il verso giusto. Nel post gara, invece, i dubbi si trasformano in certificata realtà: mister Andrea Camplone annuncia l’estromissione del terzino sinistro Marchese e del centrocampista Saro Bucolo, a cui va aggiunta anche quella del capitano rossazzurro Marco Biagianti al momento fermo comunque ai box per infortunio.

L’addì del Catania, Pietro Lo Monaco, annuncia la pubblicazione di un comunicato ufficiale da parte del club, anticipando la decisione dell’estromissione dalla rosa dei tre ragazzi e ribadendo di fatto di voler preservare la società da atteggiamenti ritenuti non consoni.

Il comunicato, puntualmente apparso sul sito ufficiale del Calcio Catania, recita:

L’amministratore delegato Pietro Lo Monaco puntualizza: “Le mancate convocazioni odierne dei calciatori Rosario Bucolo, Giovanni Marchese e Marco Biagianti, ancorché infortunato, sono dettate da gravi motivi disciplinari, prontamente evidenziati e sottoposti all’attenzione degli organi federali competenti”.

In attesa dei dovuti chiarimenti, clima burrascoso e incertezza sul futuro. In una cornice non proprio idilliaca, con diversi calciatori acciaccati in organico, scoppia la bomba e non resta che annotare sul taccuino. Cercando di capire anche, se adesso la finestra del mercato – per gli svincolati – sarà riaperta o meno dal Catania, al fine di adeguare quantomeno dal punto di vista quantitativo, il numero di giocatori a disposizione del mister.