Catania, Sarno dal primo minuto o a gara in corso? Intanto si rivede Ciancio, ma…





Il rumore del nemico che avanza, si percepisce sempre più forte. Oltre la cima del Vulcano, che si staglia sui campi d’allenamento di Torre del Grifo, il gruppo di Novellino sembra già entrato in trance agonistica, e conta le ore che lo separano dal match con la Juve Stabia. Dopo un lungo periodo di convalescenza, è tornato a Catania anche Simone Ciancio: scongiurato l’intervento chirurgico alla schiena, ma per lui non c’è più posto nella lista Over, chiusa con l’inserimento di Cristian Llama. Il difensore genovese osserva i suoi compagni di squadra al lavoro, forse anche lui percepisce che adesso, agli ordini di Walter Novellino, si respira un’aria nuova. Concentrazione ed intensità, il tecnico del Catania insiste senza sosta su due aspetti comportamentali: e nelle partitelle d’allenamento esige sempre la compattezza di squadra, nelle due fasi. C’è anche Vincenzino Sarno, oscilla tra la fascia destra e la zona di raccordo tra la mediana e l’attacco. Non esita, accetta i contrasti di gioco, si rende conto e lascia intendere di essere finalmente pronto e a disposizione. Ma bisogna aspettarselo in campo dal primo minuto o in corso di gara? Valutazione intrigante che compete a Novellino, come quella sul sostituto dello squalificato Rizzo, da scegliere tra Angiulli, Carriero e Bucolo. Ad un centinaio di metri di distanza dal campo di allenamento, si muove la folla rossazzurra: al botteghino di Torre del Grifo, in tanti accettano di mettersi in fila pur di acquistare il biglietto per domenica. Non manca qualche lamentela: molti abbonati non hanno potuto infatti usufruire della prelazione, perché alcune tessere non erano riconosciute dal sistema, o vi era una discrepanza nei codici da inserire. La sensazione è che al Massimino si presenteranno in circa 15 mila. Per il popolo dell’Elefante si annuncia un clima di festa, per la truppa di Novellino il rumore del nemico che avanza.

Alessandro Vagliasindi

Fonte foto: calciocatania.it