Catania, da Sinisa a Christian il ritorno della sciarpa talismano

Cosa unisce Sinisa Mihajlovic e Christian Argurio? Oltre il mese di nascita, Febbraio, ed un legame viscerale con la terra balcanica (Sinisa il serbo, per nascita, Christian, tra i più profondi conoscitori del calcio croato, per vocazione professionale), da domenica hanno in comune una sciarpa rossazzurra di cachemire, che dopo quasi due lustri è tornata a far bella mostra di sè su una panchina del Massimino. I bene informati raccontano, infatti, che in previsione del compleanno di Argurio (l’undici febbraio), Lo Monaco, alla vigilia del Match con la Casertana, abbia regalato al suo d.s. la sciarpa “talismano” che Sinisa aveva indossato, da guida del Catania, nella stagione 2009/10, e poi donata all’a.d. al momento del suo commiato dalla Sicilia. E quella stessa sciarpa che il tecnico serbo ha tenuto annodata nel corso della straordinaria rimonta salvezza, e dei memorabili successi sull’Inter del Triplete, a Torino ed all’Olimpico di Roma, ha nuovamente colorato il bordocampo del Massimino in occasione di Catania-Casertana, come documenta la foto pubblicata. L’esito della partita di domenica è noto, come lo è la scaramanzia nel calcio: e pertanto, tra gli eventi in palinsesto mercoledì sera, gli allibratori hanno deciso di non quotare Christian Argurio al Provinciale di Trapani con la sciarpa rossazzurra al collo, in occasione di Trapani-Catania.

Alessandro Vagliasindi